• 04 AGO 20

    Prevenzione Prostata

    Le informazioni che seguono hanno carattere generale e vogliono rappresentare delle mere raccomandazioni per gli uomini adulti, non assoggettati a trattamenti specifici e curativi di disturbi della prostata.
    Innanzitutto, per avviare una seria e fattiva attività preventiva occorre definire che cos’è la prostata, qual’è la sua funzione.
    La prostata è una ghiandola presente nel corpo maschile di piccola grandezza che svolge di rendere fluido il liquido seminale (sperma).
    E’ collocata sotto la vescica e di fronte al retto.
    Il test per il cancro alla prostata ha assunto negli ultimi decenni un ruolo fondamentale per attuare una politica di prevenzione sociale, anche in considerazione degli elevati livelli di malattie accertati sugli uomini anziani.
    Lo screening è destinato a tutti gli uomini che hanno superato i 40 anni di età.angiologia
    I rischi crescono con l’avanzamento dell’età e possono raggiungere livelli compresi tra i 70 e 90 percento in soggetti con età superiore agli 80 anni.
    Caratteristica del tumore alla prostata è che non si manifesta necessariamente con sintomi evidenti, trattasi di degenerazione asintomatica.
    La ghiandola prostatica ha un ruolo fondamentale per la riproduzione ed è suscettibile, in particolare, all’azione del testosterone (ormone maschile), in quanto ne determinano la crescita.
    Il tumore della prostata è il risultato di un irregolare sviluppo delle cellule situate all’interno della ghiandola che cominciano a crescere in maniera incontrollata.
    Tecnicamente si definisce una prostata ammalata quando viene accertata una prostatite (infiammazione), un cancro, ma anche una iperplasia prostatica benigna.
    Tra i fattori più comuni all’insorgenza della malattia, oltre all’età, una familiarità del soggetto: 2,5 volte più frequente quanto più trattasi di parente più prossimo.
    Malgrado la sua diffusione il cancro alla prostata, in molti casi, non è vissuto dal soggetto stante la sua capacità di non generare sintomi rilevati e ad una evoluzione lenta, con effetti scarsi sull’ordinaria vita di un uomo. Quando si  manifesta, i sintomi più frequenti coinvolgono prevalentemente la funzione urinaria, con questi effetti:
    – Ridotto flusso
    – Sensazione di dover di urinare con frequenza  anche la notte
    – Sensazione di parziale svuotamento della vescica
    – Difficoltà ad iniziare la minzione, anche con sensazione di dolore
    Il panorama scientifico attuale non dispone di un test unico per l’accertamento del tumore e per la sua diagnosi occorre far ricorso a tecniche combinate e integrate.
    Tra le più diffuse metodologie: il test per la misurazione dell’ Antigene Prostatico Specifico (P.S.A.) nel sangue, la cui presenza in quantità elevate può, ma non necessariamente, segnalare la presenza di un cancro alla prostata. Anche la comparsa di sintomi sopra indicati, non conducono all’univoca conclusione che vi sia collegato un tumore degenerativo della ghiandola.
    Questo limite di attendibilità è attualmente causa di un sofisticato confronto tra gli studiosi della materia.
    Per questo un esame preventivo e accurato da parte di uno specialista può aiutare ad integrare i risultati dei livelli di P.S.A. registrati con quelli del controllo rettale, un esame esplorativo con il quale il medico può verificare l’eventuale presenza di irregolarità o di alterazioni.

    SoggettiEsame Digitale RettaleAntigene Prostatico Specifico
    A RISCHIO MEDIO Un ordinario controllo rettale digitale a partire dai 40 anni di età.[*]Ordinario test del P.S.A. all'età di 40 anni. [*]
    AD ALTO RISCHIOControllo annuale al compimento dei 40 anni. [*]Periodico test P.S.A. dal'età di 40 anni. [*]

    [*] La frequenza degli esami dipendono da i risultati del test e dal profilo sanitario di ogni paziente. Sarà il medico curante a stabilire un piano di prevenzione adeguato alle singole esigenze.

Features

  • BENESSERE IN … MENOPAUSA
    Cosa si intende per menopausa? Quali le cause? Incide sulla sfera sessuale? Quali le terapie consigliabili?

  • Una visita ANGIOLOGICA per la prevenzione, diagnosi e trattamento dei disturbi della circolazione del sangue. Aiuta i tuoi vasi (arterie e vene) a far scorrere il benessere.

  • MESTRUAZIONI: conoscerle, spiegarle. Un processo fisiologico naturale spesso accompagnato da un certo grado di malessere fisico e sociale. Conoscere le fasi e gli effetti sul proprio corpo può aiutare a viverle meglio.

  • La visita GINECOLOGICA: un appuntamento consigliabile e necessario per conservare la salute della donna e della coppia. Superare il disagio e il naturale imbarazzo comunicativo.

 

Layout

Color Skin